lunedì 9 luglio 2012

Umbria jazz








Il 23 agosto 1973 è la data del primo concerto della prima edizione di Umbria Jazz. Si ebbe un grande successo di pubblico, a dispetto di una promozione approssimativa. Inizialmente Umbria Jazz assunse una formula "itinerante" da una città all'altra, con concerti gratuiti (piazza del Popolo di Todi, piazza IV Novembre a Perugia, Villalago a Terni, il teatro romano a Gubbio
Le città e le piazze dell'Umbria nei giorni di Umbria Jazz, si affollano. In alcuni casi anche i musicisti hanno avuto difficoltà nel raggiungere il luogo dove devono suonare; addirittura l'orchestra di Count Basie rimase bloccata nell'ingorgo degli spettatori
Neanche la musica si salvò: vengono fischiati grandi artisti come Chet Baker e Stan Getz, bianchi e borghesi. Altrettanto acceso, ovviamente, fu il confronto fra le forze politiche locali e negli ambienti culturali. Per non rischiare, gli organizzatori annullarono l'edizione del 1977.
Il festival di conseguenza divenne poco gestibile. All'edizione del 1978 non ne seguirono altre fino al 1982. Serviva una pausa di riflessione.
La riapertura
La manifestazione rinacque nel 1982 con molti cambiamenti e gli enti regionali e di promozione turistica non entrarono più nella gestione. Nei primi tempi si fece riferimento alla struttura dell'ARCI, una realtà associativa all'epoca molto forte in Umbria. Nel 1985 nacque l'Associazione Umbria jazz, senza fine di lucro, che ha in gestione il marchio "Umbria Jazz", di proprietà della Regione, che gestisce da allora il festival in ogni suo aspetto (formula, scelte artistiche, organizzazione, logistica, sponsorizzazioni). L'attuale presidente dell'associazione è Renzo Arbore, mentre Carlo Pagnotta (uno degli ideatori della manifestazione) ne è direttore artistico.
Perugia 6 luglio 2012
 (foto di Valerio Lanci )
cliccare sulla foto per vederla in grande

9 commenti:

  1. Ne deduco che ci sei stato, Valerio.
    Ti è piaciuto?
    Un caro saluto e un grazie per la costanza dei tuoi commenti.
    Cristiana

    RispondiElimina
  2. Grande evento e grandi musicisti per una grande e bella Umbria!
    Queste sono le cose che mi piacciono, la musica che fa viver le città che l'empie d'emozioni e ristora ogni animo!
    Bel post Valerio.....ed ora mi sembra di sentir anche suonare :-)

    RispondiElimina
  3. Non ne conoscevo la storia, interessante.
    Ma ci sono stata un paio di anni fa e vale davvero la pena.
    Ciao Valerio e grazie!
    Lara

    RispondiElimina
  4. Umbria jazz risulta perfetto nel contesto storico di quella regione,musica e cultura un matrimonio perfetto con l'augurio che possa continuare all'infinito!

    La risposta sulla dichiarazione del pupone

    Valerio,er pupone non è nuovo a queste "performance" a me da l'idea che questi giovanotti dediti a tirar calci al pallone con guadagni stellari,vivano in un mondo tutto loro nel disinteresse sovrano,con qualche raro distinguo.

    Saluti

    RispondiElimina
  5. Grazie Valerio dei tuoi continui passaggi, molto interessante la storia di Umbria jazz, non la conoscevo. Ciao a presto Angelo.

    RispondiElimina
  6. Andai a quella del '78, e ho ancora un bellissimo ricordo. Aloha!

    RispondiElimina
  7. La risposta su De Gennaro-Diaz da Freedom

    Non posso che condividere le vostre riflessioni,dopo le stragi,i depistaggi,i silenzi sui rapporti con la criminalità organizzata,anche questa pagina la si può archiviare come una estrema vergogna della Repubblica italiana.

    Vi abbraccio

    RispondiElimina
  8. Caro Valerio, mi hai fatto venire voglia di musica e di un viaggetto in Italia centrale ... L'Umbria - e il jazz - hanno un loro fascino! Buon luglio.

    RispondiElimina
  9. I knew this article and i am really interest in this post and site. So i need some other important article in this site,because i want to busy at this site.
    Web Designing

    RispondiElimina