lunedì 26 gennaio 2015

dal fiore al cotone

Le piante di cotone hanno vita annuale o pluriennale, sono parenti strette della famiglia della malva.

Fra la decima e la dodicesima settimana dalla semina sbocciano i primi fiori: sono delicati, di colore bianco o giallo crema per poi divenire dopo la fecondazione rosa e violacei.

Poco dopo cadono e lasciano intravedere le capsule che lentamente crescono gonfiandosi fino a raggiungere la dimensione di un uovo di gallina.

A maturazione raggiunta, dopo 5-7 settimane dalla fioritura, si apriranno facendo apparire la fibra del cotone, simile ad un batuffolo di ovatta.

In questa fase che dura pochi giorni, la fibra si dissecca, si appiattisce e si attorciglia variamente sul proprio asse.

I semi ( 6 / 8 ) sono all'interno del "batuffolo" di cotone

Dalla pianta del cotone si ottiene una fibra con cui si fanno sia tessuti per abiti sia rivestimenti per la casa. Il cotone, però, serve anche a realizzare corde, imballaggi, accessori medici, persino esplosivi. Per questo il cotone viene coltivato intensivamente in molte zone del mondo ed è al centro di una vasta industria

 "Niente mi rende così felice come osservare la natura e dipingere quello che vedo."

Henri RousseauHenri Rousseau


foto di Valerio Lanci 
(per ingrandirle cliccateci sopra)




18 commenti:

  1. Ciao, Valerio, molto interessanti i tuoi reportage sulla natura, complimenti e alla prossima, Angelo.

    RispondiElimina
  2. Davvero impagabile questo magnifico articolo, che ho apprezzato per le particolari notizie e le splendide foto.
    Buona serata e un saluto, Valerio, silvia

    RispondiElimina
  3. Belle immagini, ho visto che le hai messe anche su flickr.
    Un fioe così bello e delicato che ha creato tanto dolore, il suo candore macchiato dal rosso del sangue degli schiavi.

    RispondiElimina
  4. Grande questo commento finale che hai postato...
    La natura è veramente uno spettacolo unico e meraviglioso, non ti stancheresti mai di osservarla..
    Grazie Valerio per questi doni che ci fai..
    Bacio!

    RispondiElimina
  5. Buon sabato e un caro saluto, Valerio, silvia

    RispondiElimina
  6. Davvero speciali anche queste foto. Grazie! Spero che gli esseri umani, prima o poi, abbiano un atteggiamento di rispettoso stupore e di ringraziamento verso tutto quello che ci offre, gratuitamente, la natura. E smettano di essere invece predatori rapaci. Buon fine settimana. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  7. Ciao Valerio...è sempre un piacere leggerti!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Non sapevo tutta questa storia, belle le foto, complimenti.

    RispondiElimina
  9. Interessante anche la crescita e la fioritura del cotone,anche se con questa coltura mi viene in mente lo schiavismo nei secoli scorsi dei neri deportati dall'Africa,da sfruttare criminalmente negli States.

    Ma è chiaramente un discorso a parte.

    Ci sono fortunatamente personaggi di alto livello in questo paese,anche se "merce rara",purtroppo eleggeranno il solito burocrate fidato pro-casta.

    RispondiElimina
  10. Da Freedom

    Si,un accordo parecchio anomalo,evidentemente in Grecia non si va tanto per il sottile,sono effettivamente in condizioni diffusamente miserevoli.

    Saluti

    RispondiElimina
  11. buon servizio fotografico ed ancor più bello il commento.

    RispondiElimina
  12. Ciao Valerio .... La tua visita è stata come ricevere un caldo abbraccio ..... Il mio blog è ormai chiuso ai commenti ...... È un periodo moooolto buio della mia vita anche se non rinuncio a rifugiarmi nelle mie poesie .... Grazie infinite

    RispondiElimina
  13. Tanta energia per te, Valerio, in questi giorni di gran freddo invernale.
    Cari saluti,silvia

    RispondiElimina
  14. Ti ringrazio di cuore, dei passaggi nei miei blog e delle gradite osservazioni.
    Attendo di apprezzare tue nuove foto sulla natura
    Buon pomeriggio, silvia

    RispondiElimina
  15. Da Freedom

    La città in cui è vissuto Primo Levi gli doveva questo omaggio,fuori tempo massimo ma è importante che ci sia stato.

    Da brividi l'affermazione di Levi che hai riportato Valerio,ma è la drammatica realtà.

    Si rammento quel raccapricciante selfie della "fenomena" in ospedale,deve avere qualcosa che non va probabilmente!

    Buon fine settimana a te!

    RispondiElimina
  16. grazie del tuo passaggio, torno a trovarti, bel post :)
    ciao

    RispondiElimina
  17. Interessante il tuo scrivere e bellissimi i tuoi scatti!
    Un abbraccio da Beatris

    RispondiElimina
  18. questo è un post più che interessante!

    RispondiElimina