giovedì 30 settembre 2010

Il grande inquisitore


...........oggi secondo Gherardo Colombo ex magistrato di Mani Pulite lo stesso ruolo tirannico si nasconde «dietro il concetto impersonale di mercato, nella pubblicità che influenza non solo gli acquisti ma gli stili di vita. Stabilisce cosa è "in"e cosaè "out". Il Grande Inquisitore si avvale della televisione per mantenere a livelli infantili lo sviluppo mentale di chi la guarda, per mistificare l' informazione, per indirizzare verso un pensiero superficiale unico, ove il discernimento è sostituito dalla banalitàe dai luoghi comuni. I notiziari censurano le notizie sgradite, quelle che metterebbero in evidenza mancanze, inefficienza o contraddizioni. Enfatizzano l' attività di chi governa anche quando è inesistente o negativa. Contribuiscono alla divinizzazione del vertice». «Come mai la maggioranza degli italiani obbedisce a un Grande Inquisitore? Perché il Grande Inquisitore ha recuperato dalle tecnologie moderne la capacità di manipolare l' opinione pubblica. Promette ai sudditi il "pane terreno", cioè i beni materiali, i giochi, il benessere, come il terribile personaggio dostoevskiano e non il "pane celeste" che vorrebbe distribuire Gesù, cioè la libertà, il libero arbitrio, la dignità della persona». Colombo conclude con una riflessione e un avvertimento: «La libertà non basta averla. Esiste in quanto la si esercita attraverso il pensiero e l' azione. Non basta il suffragio universale. Non basta sancire che le persone sono libere per passare dall' assolutismo alla democrazia. Per essere liberi occorrono impegno e fatica».

Direi un personaggio lontano dalla ribalta e fuori dal coro per vocazione.
E tu l'hai giustamente ritratto perplesso...come potrebbe non esserlo."Per essere liberi occorrono impegno e fatica». ...già...la libertà non è un prodotto, non si vende e non si consuma.A volte la si compra...

Sono giorni tristi, speriamo non diventino anche bui. Ma mi sento di condividere a fondo quello sguardo perplesso...
Per il resto...libro che non può mancare,

(Claudio Marchini su flickr claudio marchini )
Emarginando Colombo e i non pochi, per fortuna, come Lui, mortificano l'anima di una Nazione, di un popolo, le sue parole sacrosante illuminano con grande intelligenza e passione civile questi tempi oscuri e pericolosi...ricordiamoci l'apologo del "Caimano" di Nanni Moretti. Bello il ritratto caro Vale, che più che perplesso mi pare sconsolato, una troppo grande parte di Italiani in mano al nano, al suo poderoso sistema di propaganda, alle sue onnipresenti TV, in tante coscienze temo che la "mutazione genetica" sia già avvenuta, e Dio sa che prezzo dovremo pagare per ricostruire una unità e dignità che ci permettano una sufficentemente sana convivenza civile!

Grazie Valerio, sempre molto interessanti i dibattiti che susciti!!!

(Ennio Maretto _su flickr ennios2000 )


So bene che le teorie fisiognomiche di Lombroso sono considerate infondate, ma forse qualcosa di vero dev'esserci: dal volto di Colombo traspare, tra le sue rughe "di pensiero", una serenità d'animo che ha solo chi ha sempre operato nell'interesse di solidi principi, al di là dell'interesse personale. Posso sbagliare, ma non mi sembra che la fisionomia di un Alfano, di un Ghedini, di un La Russa suggeriscano la stessa sensazione.
Del Nano, inutile parlare: solo a guardarlo, sembra una foto segnaletica. Peccato che gran parte della gente non se ne sia ancora accorta. :-((

(Roberto Ramon _ su flickr robramond )

(foto di Valerio Lanci )






6 commenti:

  1. L'elemento peggiore è la sua capacità di condizionare le notizie. Di comprare senza neanche farlo intuire.

    RispondiElimina
  2. Omologazione,considerare il denaro un fine e non un mezzo,imbarbarimento culturale.Il riscatto sara' la rete........la televisione generalista e' morta,oppure sta' male, a seconda dei punti di vista.

    RispondiElimina
  3. Parole sante. Grazie Vale per questo post che si unisce a tutti quelli che hanno il duro compito di risvegliare la massa informe di persone assopite che permette questo andazzo.

    RispondiElimina
  4. Come hai ragione caro Valerio...

    RispondiElimina
  5. grazie a Voi della visita !!!

    RispondiElimina
  6. Impeccabile!
    Quando riusciremo a frenare questa valanga immonda?
    Cristiana

    RispondiElimina